maggio 18, 2009

Bisogno di chi?

Posted in politica, società a 8:23 am di Sognatrice

Un frase che mi fa veramente infuriare è: “abbiamo bisogno degli immigrati”, o la sua variante “la nostra economia ha bisogno degli immigrati”. E sopratutto in Italia, dove sappiamo tutti che il lavoro degli immigrati è in massima parte precario, pesante, poco pagato, pericoloso… Insomma, avremmo bisogno di persone che lavorino in condizioni che “noi” abbiamo imparato a chiamare “inumane”. Sappiamo tutti che molti immigrati vivono in appartamenti piccoli, che a volte dormono a turno nello stesso letto – sono così poco pagati, che non hanno nemmeno la possibilità di avere un proprio letto! Un italiano non farebbe mai queste condizioni. Perché ha la sua dignità. Direbbe all’imprenditore: “Per un simile salario io non sono disposto a lavorare. Sono un essere umano, vorrei almeno un letto”.

E allora… allora abbiamo bisogno degli immigrati. Abbiamo bisogno di persone che non vogliano un letto proprio. Abbiamo bisogno di persone che non sappiano lottare per i propri diritti. Abbiamo bisogno di persone che siano disposte a lavorare in condizioni pericolose. Abbiamo bisogno di persone che si accontentino di salari da fame.

Non vi sembra che, in fin dei conti, ciò di cui “abbiamo bisogno” siano degli schiavi?

Se la nostra economia ha bisogno di schiavi, allora siamo noi a non dover avere bisogno di questa economia. Dobbiamo assicurare che gli immigrati non debbano lavorare in questo modo? Certo. Bene. Ci sono tanti immigrati che conoscono il loro valore di esseri umani. Ce ne sono tanti che hanno imparato in Italia cosa significhi lottare per i propri diritti. Ma è a questo punto che gli imprenditori attaccano con la solita cantilena: “Abbiamo bisogno degli immigrati”. Sì, ma di quelli “nuovi”. Quelli che sono disposto a lavorare per nulla.

Noi non abbiamo bisogno degli immigrati. Gli imprenditori ne hanno bisogno. Noi abbiamo bisogno di uomini che possano vivere in modo dignitoso, avere una casa – un appartamento – andare in vacanza almeno una volta l’anno, riposare il fine settimana, partecipare alla vita culturale… Essere umani. Liberi. Con tutti i diritti.